Cerca

L'Irriverente

"Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi" [Robert Oppenheimer]

Satire/35

di Gianluca Berno

A Macron

Settenari di commento a quella che si potrebbe davvero chiamare una Seconda Rivoluzione Francese. Forse, come satira è un po’ sobria; ma pare che la frusta sia già in mano ad altri…

Macron, se’ così giovane

ma vecchio dentro al cuore:

affezionato ai calcoli

che dànno altrui dolore,

or ti lamenti e vomiti

veleno sui gilet? Continue reading “Satire/35”

Annunci

Satire/34

di Gianluca Berno

Tappabuchi

In attesa di Sanremo: avete mai fatto caso alle paroline, spesso senza un vero significato, con cui si rimedia ai vuoti nei testi delle canzoni?

(Già che ci sono, vorrei richiamare un po’ l’attenzione sull’Indovina l’autore/2, che ancora è senza soluzione…).

Continue reading “Satire/34”

Editoriale-Gennaio 2019

di Gianluca Berno, 1 gennaio 2019

Ascesa e fine del Quarto Reich

Dunja Mijatovic è la Commissaria per i Diritti Umani al Consiglio d’Europa, un organismo che è bene non confondere con il Consiglio europeo e che nulla ha a che vedere con Bruxelles e Strasburgo. Costei è stata in missione in Grecia nei giorni in cui Moscovici, il Francese che vuol farci a pezzi per un deficit al 2,04% ma è disposto a condonare alla Francia l’ennesimo anno di violazione del tetto – guarda tu che caso… – diceva gioioso che la Grecia è tornata a essere “un Paese normale dell’eurozona”. Ma la signora di cui sopra, nel rapporto uscito da poco sul suo viaggio ad Atene e dintorni, non tratteggia uno scenario roseo. Continue reading “Editoriale-Gennaio 2019”

Discorso di fine anno/2018

di Gianluca Berno

Endecasillabi sciolti, come l’anno scorso; e, allo stesso modo, auguri a tutti!

O tu che leggi, e di già t’han tediato

con la mattarelliana spataffiata

che sarà in onda a reti unificate,

io ti propongo un discorso diverso;

non meglio o peggio, ma di certo in verso,

un’altra cosa, che non sia già vista

e impaludata, e detta da chi è capo

d’una fazione e non della nazione. Continue reading “Discorso di fine anno/2018”

Buon Natale 2018

di Gianluca Berno

20181225_095343-1

Indovina l’Autore/2

di Gianluca Berno

Questo secondo indovinello letterario è in settenari, molto breve (e forse troppo semplice). Intanto, vi do la soluzione del precedente: complimenti a Vincenzo, che ha riconosciuto Dickens tra le righe!

Se una pistola al muro
nell’atto primo è appesa,
al terzo son sicuro
che infine sparerà.

Indovina l’Autore/1

di Gianluca Berno

Propongo, in forma di sonetto, un piccolo indovinello. Poiché a Natale siamo tutti più buoni, non è particolarmente difficile, ma darò la soluzione solo colla prossima puntata. A presto!

Tempi difficili in un grigio mondo,
da quando nasci alle estreme onoranze,
non lasciano morir grandi speranze.
Seppur città fumose sono sfondo

.

di tristi storie e funeste esperienze,
pur dell’autore l’ingegno fecondo
risolve tutto nel tempo secondo:
delle salite inverte le pendenze,

.

l’orfano è adottato e sta da re;
l’avaro torna puro qual bambino,
e si rovina il superbo da sé.

.

Duro realismo e aiuti del destino:
anche l’assurdo avrà luogo, purché
finisca a panettone e fragolino.

Editoriale-Dicembre 2018

di Gianluca Berno, 13 dicembre 2018

Facendo manovra…

Quo usque tandem abutere, Conte, patientia nostra? Credete, non mi rivolgo al Presidente del Consiglio in maniera personale, per qualche forma d’astio: attraverso la sua figura, io parlo a tutto l’esecutivo e alla maggioranza parlamentare che lo sostiene; e non scelgo un noto passo di Cicerone per accusare, ma per domandare. Un tira e molla internazionale è una di quelle cose che non si possono protrarre a lungo: sopra tutto se dall’altra parte del tavolo c’è un muro di gomma. Continue reading “Editoriale-Dicembre 2018”

Non ci indurre in tentazione

di Gianluca Berno

Troverete qui gli altri Saggi senza pretese. Il presente s’addentra in un territorio arduo, ma si spera di aver discusso la faccenda con chiarezza.

Di recente è ricomparsa la notizia della modifica del Padre nostro, proposta da alcuni filologi e, secondo il Televideo di qualche giorno fa, approvata dal Papa.

Tutti, immagino, hanno presente la penultima proposizione di cui si compone la nota preghiera, quella che accomuna tutti i cristiani al di là delle confessioni: «…e non ci indurre in tentazione…». Questa frase è stata spesso un problema interpretativo per gli esegeti biblici, dato che chiedere a Dio di “non indurre in tentazione” appare ben strano: chi tenta è il diavolo, lo sanno anche i bambini che vanno a catechismo. La modifica del testo, però, per come è stata pensata e presentata, pone problemi ancor più grossi che un verso da spiegare; problemi per i quali s’invita il lettore ad addentrarsi nella teologia per un istante, indipendentemente dalle proprie convinzioni in fatto di metafisica. Si tratta di una diatriba, infatti, tutta interna alla Chiesa cattolica e ai suoi principî. Continue reading “Non ci indurre in tentazione”

Blog su WordPress.com.

Su ↑