“P” come Petrarca

di Gianluca Berno

Questo è un sonetto, cioè quattordici endecasillabi distribuiti in due quartine (strofe di quattro versi) e due terzine (strofe di tre), con schema ABAB BABA CDC CDC. Noterete che tutte le parole cominciano con la lettera P.

N.B.: a volte, capiterà di trovare una dieresi sopra la prima di due vocali consecutive. Serve ad indicare che andranno separate nel conteggio delle sillabe.

Perché prëordinare, per poetare,

povere poesie pedanti, potendo

più piacevoli proposte provare?

Perciò provocando, Petrarca prendo;

poi, prëistorica poesia pulendo,                                                                                                  5

parole per “p” partenti provare

parvemi pensiero perfetto. Prendo

perciò prestito pöetico. Pare

principiare pulitamente… Però,

percorrendo pendici più pendenti,                                                                                            10

penso, posandomi per poco: «Potrò

permettermi piacer perverso? Potrò

poetare provocando più potenti

professori?». Pure, piacemi, però.

 

 

Annunci