Non chiederci… la lettera

di Gianluca Berno

Chi non conosce la poesia Non chiederci la parola di Montale? Se non la conoscete, tranquilli: l’ho riportata come raffronto. Il gioco, cui questa rubrica deve il nome, consisterà nella sostituzione sistematica di alcune parole della poesia di partenza con sinonimi, in modo che non compaia mai una vocale, dichiarata all’inizio. Al gioco si prestano soprattutto poesie come questa, in cui non è necessario rispettare la lunghezza dei versi, che non segue una regola precisa.

L’originale

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato

l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco

lo dichiari e risplenda come un croco

perduto in mezzo a un polveroso prato.

Ah l’uomo che se ne va sicuro,                                                                                                      5

agli altri ed a sé stesso amico,

e l’ombra sua non cura che la canicola

stampa sopra uno scalcinato muro!

Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,

sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.                                                                     10

Codesto solo oggi possiamo dirti,

ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

Senza A

Non chiederci verbo che penetri in ogni punto

l’essere nostro informe, e con segni di fuoco

lo mostri e illumini come un croco

perduto dentro un polveroso terreno verde.

Oh l’uomo che incede sicuro,                                                                                                        5

con tutti e con sé stesso felice,

e il nero vestigio suo non vede che il sole

imprime su di un imbruttito muro!

Non imporci di dirti il segreto che mondi ti riveli,

sì certo storto scritto e secco come uno sterpo.                                                                     10

Codesto solo oggi c’è lecito dirti,

ciò che noi non s’è, ciò che non è nostro volere.

Senza E

Non domandarci la parola buona a squadrare da ogni lato

l’animo nostro privo di forma, il qual a simboli di fuoco

lo dichiari, illumini qual un croco

non più trovato in un non spazzato prato.

Ah l’uomo il qual vaga sicuro,                                                                                                       5

agli altri, alla propria individualità amico,

l’ombra sua non cura la qual la canicola

stampa sopra uno scalcinato muro!

Non domandarci la formula la qual mondi possa aprirti,

sì tal storta sillaba, avvizzita qual un ramo.                                                                            10

Questa cosa sola oggi possiamo dirti,

la cosa la qual non siamo, la cosa la qual non vogliamo.

Senza I

Non domandare la parola che sa squadrare da tutte le facce

l’essere nostro senza forma, e con lettere combuste

lo mostra e splende come un croco

perduto dentro a un polveroso prato.

Ah l’uomo che se ne va certo,                                                                                                       5

con le altre persone e con sé stesso sodale,

e l’ombra sua non cura che ‘l sole rovente

stampa sopra uno scrostato muro!

Non domandar la formula che nuove mete possa mostrare,

come qualche storto carattere e secca come un ramo.                                                        10

Codesto solo adesso c’è permesso proporre a te,

quel che non è l’esser nostro, quel che non è la volontà nostra.

Senza O

Aspetta, a chiederci la frase che squadri da qualunque parte

l’anima che siam, senza identità, e a lettere ignee

la verità dichiari e risplenda quale una pianta da spezie

perduta in una mai pulita area verde.

Ah la creatura che se ne va sicura,                                                                                             5

agli altri ed a sé stessa amica,

e le nere vestigia sue mai cura che l’arsura meridiana

stampa su una scalcinata parete!

Mai dimandarci la leva che altre terre riesca a aprirti,

sì qualche arricciata sillaba e secca, una pianta strappata.                                                10

Tal è quel che attualmente siam capaci di dirti,

quel che ci manca nell’essere, quel che ci manca nei desideri.

Senza U

Non chiederci la parola che penetri da ogni lato

L’animo nostro informe, e a lettere ignee

Lo dichiari e risplenda come croco

Perso in mezzo a polveroso prato.

Ah l’omo che se ne va certo,                                                                                                          5

agli altri ed a sé stesso amico,

e all’ombra sua non bada che la canicola

stampa sopra scalcinata parete!

Non domandarci l’algoritmo che mondi possa aprirti,

sì certa storta sillaba e secca come ramo.                                                                                10

Codesto solo oggi possiamo dirti,

ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

 

 

Annunci