Nostalgia… di una vocale

di Gianluca Berno

Torna qui il gioco già proposto con Montale, sempre togliendo una vocale ogni volta. Ora, giochiamo con la Nostalgia di Giuseppe Ungaretti, scritta, come riporta l’autore, a «Locvizza il 28 settembre 1916».

L’originale

Quando

la notte è a svanire

poco prima di primavera

e di rado

qualcuno passa                                                          5

Su Parigi s’addensa

un oscuro colore

di pianto

In un canto

di ponte                                                                    10

contemplo

l’illimitato silenzio

di una ragazza

tenue

Le nostre                                                               15

malattie

si fondono

E come portati via

si rimane

 

Senza A

Nel momento in cui

il buio notturno è presso l’epilogo

un po’ presso il ritorno del bel tempo

e non di frequente

figure incedono                                                         5

Sul luogo detto lumiere si produce un cumulo

di oscuro colore

di depressione

In un segmento

di ponte                                                                    10

contemplo

il silenzio privo di limiti

di un femmineo essere

tenue

Il nostro                                                                15

essere infermi

si rende un tutt’uno

E come condotti fuori di questo luogo

si finisce

 

 

Senza E

Quando

l’oscurità notturna s’avvia a svanir

poco prima di marzo

quando di rado

qualcuno passa                                                          5

Su Parigi si fa fitto

un’oscura chiazza colorata

di pianto

In un canto

di guado                                                                   10

guardo

l’illimitato non parlar

di una ragazza

fioca

La nostra                                                               15

insania

si mischia

Così portati via

si risulta

 

Senza I

Quando

la notte è a tramontare

un po’ presso marzo

e raramente

qualcuno passa                                                          5

Sull’urbe francese s’addensa

un oscuro colore

d’umor nero

Da una parte

d’un ponte                                                               10

contemplo

l’oltremodo esteso non parlare

d’una ragazza

tenue

La nostra                                                                 15

salute guasta

s’amalgama

E come altrove

s’appare

 

 

Senza O

Mentre

la notte è a svanire

appena prima di primavera

e raramente

un tale passa                                                             5

Su Parigi s’addensa

una massa nera

di lagrime

In una parte

di argine                                                                  10

guardar

l’illimitata assenza di parlare

di una ragazza

tenue

Le di ciascun                                                          15

malattie

si fan unità

E uguali ad esseri traslati in altre terre

si rimane

 

Senza U

Mentre

la notte è a svanire

poco prima di primavera

e di rado

certe figure passano                                                   5

Sopra Parigi s’addensa

del nero colore

di pianto

In certa parte

di ponte                                                                    10

contemplo

l’illimitato silenzio

di tal ragazza

esile

Le nostre                                                                   15

malattie

si fondono

E come portati via

si rimane

Annunci