di Giorgio Agosta del Forte

2016-06-03-15-31-03--892593566

E indicibili volte

sono riandato

a strappar

petali a margherite

selvatiche.

«Non m’ama».

.

Ne prendevo

un’altra:

«Non m’ama”».

E un’altra ancora,

«Non m’ama».

Non mi arrendevo

e continuavo

tra tsunami di

«Non m’ama».

.

Pensai che il fato,

o il destino,

o il karma,

o Dio,

o tutti loro,

fossero infelloniti

con me,

così glielo domandai

e il loro

responso fu:

«Non t’ama».

.

Mandai al creatore

tutti loro,

cioè mandai loro stessi,

da loro medesimi.

Non una mossa

molto furba.

E corsi

dalla mia non amata,

e le chiesi

se non mi amasse.

La sua risposta

fu un altisonante:

«Sì, non t’amo».

Così mi buttai

in un bar qualsiasi

e mi scassai

di Margarita,

ma avevano ragione

le margherite

e anche

gli altri.

Annunci