Satira n° 40 di Gianluca Berno

Propongo il mio bel commentino alle dimissioni di Fioramonti, che casca dal proverbiale pero dopo aver visto che, grazie al suo Governo e agli squilibri economici internazionali che non vuole turbare, anche quest’anno i soldi per la scuola arriveranno l’anno prossimo. Buona lettura.

S’è dimesso Fioramonti,

l’odiator di merendine,

ché, per far quadrare i conti,

gli hanno detto sempre no.

*Così dice, e le Sardine

già l’applaudono, e i Grillini;

ma il lavoro dalla fine

sempre Storia giudicò:

*sono sempre i più cretini

quelli messi all’istruzione,

a far scempio dei bambini

riformando sempre più.

*Salariale deflazione,

che dall’euro ci deriva

e ci porta a distruzione,

Fioramonti denunciò?

*Ogni sua parola è priva,

come c’era da aspettarsi,

di un’analisi obiettiva;

e i problemi ci lasciò.

*Ma si sa che ad adattarsi

è la scuola al nuovo cane

che, per bene segnalarsi,

quando vien ci piscia su.