Introduzione di Filippo Mairani

Avete presente lui, cari lettori?

No, non lui, quello è troppo famoso. Ma no! Quello è apparso sullo schermo per ben 18 secondi!

Intendo quel personaggio… sapete no?, quel personaggio che è apparso solo velocemente sullo sfondo del vostro telefilm preferito, che è stato menzionato solo in nome nel vostro libro preferito, o che nei titoli di coda del film si scopre non avere neanche un nome…

Ecco, questa rubrica è fatta proprio per persone come lui! Ogni volta infatti il sottoscritto cercherà di scovare qualche personaggio poco o per nulla utilizzato all’interno di qualche storia, e proverà a scriverne una in cui lui sia il protagonista.

Perché anche i poveri personaggi di sfondo si meritano un po’ d’affetto.

Ecco gli articoli finora pubblicati sotto quest’etichetta… non qui, dietro:

Non aprite quella porta: dietro le quinte di una scena d’un noto film… e non diciamo altro.

Una lettera maledetta: dal cinema al cartone animato televisivo. Indovinate voi quale.

Disgruntled goat: storia di un personaggio che comparirà forse una volta sola… e ne inventa uno a sua volta.

La gabbia: torniamo al film, un film arcinoto, uscito da un anno appena. Il protagonista è poco più che una comparsa, ma la scena in cui è coinvolto è davvero fuori dal comune.

Una mela matura: può una mela scegliere quando staccarsi dal ramo? Qui da noi sì, ma decliniamo ogni responsabilità per le conseguenze.

Nave a dritta: secondo Nietzsche non esistono fatti, ma solo interpretazioni di fatti. E questa è un triplo salto carpiato.

Lettere inedite – Giulietta Capuleti alle Ferrovie dello Stato, di Gianluca Berno: un retroscena mai svelato della storia d’amore più famosa del mondo…

Lettere inedite – Lesbia a Catullo, di Gianluca Berno: risposta di Clodia (vero nome della Lesbia catulliana) al poeta di Sirmione.